Escort con le ali

Volare a volte non basta

Si trova di meglio e magari davanti a casa

La modernità avanza; la tecnologia pure; i lavori cambiano, scompaiono, si evolvono, noi invece siamo sempre qui e quello di cui andiamo a parlare oggi è un pezzo proveniente dal mondo dei new-works e precisamente lo leggiamo nell’articolo ripreso da parcellazione.it  che va a spiegarci una professione che di recente sta spopolando: la Wing Woman, un mestiere che ha in sé qualcosa di geniale. Avete visto “Il medico della mutua”? Alberto Sordi veniva all’inizio sponsorizzato dalla madre e dalla fidanzata nella ricerca di clienti, ed è più o meno quanto accade qui.

Ma forse il paragone sarebbe più comprensibile ad un pubblico giovane se effettuato con film americani di ultima generazione. Avete presente il classico ragazzo-amico che avvicina le studentesse per far rimorchiare il compagno di stanza timido? Tombola! In pratica la Wing Woman, la quale non credo possa essere considerata nel novero delle escort, è proprio quel tipo di persona che farebbe al caso di chiunque. In pratica questa Trilly del mondo reale diventa amica della persona che vi interessa e stringe i rapporti fino a convincerla che voi siete la persona giusta. Qualcuno direbbe che è un inganno e magari ha anche ragione. Qualcun altro direbbe che è un supporto innocente per provare a far venire fuori qualità che magari non sapremmo tirar fuori da soli al momento giusto. Fatto sta che questa professione sta spopolando e promette accoliti anche qui in Italia.

Già immaginiamo coppie che passeggiano per le vie di Perugia o di Trieste, di Caltanissetta o di Bergamo, abbracciate e unite da un inghippo che la lei di turno non scoprirà mai. A questo punto il compito più delicato forse potrebbe essere per la Wing Woman l’allontanarsi dalla nuova amica, o dal nuovo amico in questione. Insomma, se l’amicizia conta di più dell’amore è una mezza fregatura: prima la fai innamorare di un lui ipotetico e poi le spezzi il cuore come amica. E’ proprio vero: mors tua, vita mea.