Certificazione per escort

Probabilmente un giorno ci vorra’ anche questo

Una verifica sul posto per certificare la veridicita’ delle foto

In un’ epoca dove la comunicazione avviene in tempo reale, dove ci stanno immagini e foto che possono rappresentare qualsiasi cosa, persona, oggetti, avvenimenti e quant’altro, l’utente chiunque esso sia, puo’ incappare in immagini con pubblicita’ ingannevole se non addirittura in vere e proprie frodi tipo quelle di certe agenzie di viaggi fantasma che prendono i soldi, scappano e nessuno li ritrova piu’, questo tanto per fare un esempio, ma oggi si puo’ parlare di pubblicità ingannevole anche nell’ambito degli annunci che si trovano in giro per il web su certi siti internet  riguardanti le escort in esso rappresentate.

In un servizio delle Iene l’inviato del momento va in giro per verificare quanto le signorine in carne ed ossa possano corrispondere alle foto inserite negli annunci e il risultato molto spesso si allontana dalla realtà di queste esposizioni fotografiche che di frequente sono riconducibili ad altre persone ancora e che non c’entrano proprio niente con quanto si vorrebbe comunicare a chi sta dall’altra parte del monitor. Risultato della divertente indagine in almeno in una buona meta’ delle foto postate sugli annunci si nascondono invece donne e ragazze dall’aspetto assai diverso per cui arrivati a questo punto, la provocazione delle Iene è allora inventarsi una sorta di bollino di qualità proprio come per qualsiasi altro prodotto messo in circolazione per uso e consumo ovvero sia il ‘Certificato di garanzia escort‘ il quale attesta la professionista che espone foto veritiere cioe’ sue e non di altre persone, al cento per cento corrispondente all’immagine promozionale dell’annuncio.

Per la cronaca, solo due le escort  sono riuscite ad ottenere il certificato di qualità, per cui in considerazione del fatto che la tendenza di questo programma e’ quella di smascherare con una certa ironia gli inganni e le trappole  in generale presenti in tanti settori della società, va a finire che queste ragazze rischiano sul serio che il ‘Certificato di garanzia escort‘ diventi una sorta di timbro obbligatorio, magari pure con l’ausilio dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza, in merito alla loro professionalita’, perché  come si sa’la pubblicità è l’anima del commercio ma la soddisfazione per il cliente deve passare da una visione onesta anche in questo segmento del mercato. Tempo fa’ avevamo pubblicato proprio su questo blog lo stesso problema, ovvero sia l’inserimento di foto false e di annunci poco credibili, con un articolo dedicato a quei siti che pubblicano gratuitamente gli annunci e che non controllano gli inserimenti, lasciando campo aperto a chiunque e senza verificare nulla in merito. Detto cio’ ci verrebbe da chiedere a quelli delle Iene dove sono andati a pescare gli annunci che hanno poi controllato dal vivo e senza che siano loro a comunicarcelo, glie lo diciamo noi dove sono andati e leggere, proprio su questi siti gratuiti o di annunci generici dove chiunque, anche un ragazzino puo’ divertirsi a pubblicare foto false e magari inserire un numero di una sua coetanea solo per farle uno scherzo, figuriamoci cosa potrebbe fare un adulto avendo a disposizione tale liberta’ incondizionata in casa di altri ed immaginiamoci anche una donna o una ragazza che vuole fare un annuncio, si risparmia pure la spesa del fotografo, alla faccia dell’utente che sta come sempre dall’altra parte del computer.

Senza fare riferimento alcuno, basta farsi un giro sui vari siti di cui sopra e salta fuori di tutto e di piu’ giorno per giorno, ora dopo ora, pagina dopo pagina, magari ripetuti per varie volte ed il bello sta proprio qui, dove le gente ci casca senza rendersene conto guardando foto di persone che nulla hanno a che vedere con chi sta dietro a quel numero da contattare, per cui  arrivati a questo punto sorge spontanea una domanda a questi utenti:  “ dopo aver incontrato un altra persona che non corrisponde a quella che avevate visto sul sito, siete soddisfatti? Lasciamo la conclusione a tutti quelli che leggono questo blog.